Il MotoClub

1923-2019

Il Motoclub Schio nasce ufficialmente nel 1923 da un gruppo di appassionati, ma forse è meglio dire pionieri che oggi guardiamo con un sorriso e stupore a cavallo di motociclette semplici nella meccanica ma complicate nell’uso, piene di leve e ingranaggi, sempre sporche di polvere e olio. Li chiamavano centauri e a quei tempi erano i nipoti del Futurismo e i moderni cavalieri del ventennio. La motocicletta non era per tutti ma costava comunque meno di un automobile. Ci si andava al lavoro ma la domenica si partiva per la montagna, su strade bianche e polverose. In quel periodo, per i più sportivi e i più audaci, si organizzavano in Italia gare ed eventi prevalentemente in ambito cittadino con grande successo e partecipazione. L’idea geniale fu di organizzare una manifestazione che avesse come obiettivo onorare i caduti della Grande Guerra, partendo da Schio e raggiungendo la vetta del Pasubio su strade difficili e panoramiche, ma che mettevano a dura prova moto e piloti.L’ideatore e promotore del Raduno Moto-Alpinistico del Pasubio fu il Giulio Ultimo Ziliotto, segretario del Motoclub Schio dal ’33 al ’34 e Presidente dal ’35 al ’40. In un documento dell’epoca, a ricordo di Ziliotto, si legge testualmente: “Egli profuse nell’organizzazione motociclistica il meglio delle sue capacità, delle sue energie e l’inesauribile passione sportiva. Ma quel che rimarrà nella storia nostra e del motociclismo italiano come il Suo capolavoro è il Raduno del Pasubio nato per riunire coloro che lassù nella Prima Guerra Mondiale sostennero con sovrumani sacrifici l’urto delle forze nemiche.” Il raduno ebbe fin dalla sua prima edizione un clamoroso successo, documentato ampiamente e riccamente illustrato da Massimo Zigliotto nel suo sito www.motoradunidelpasubio.it Un successo che aumentò di anno in anno e che, dopo la pausa della guerra e gli anni della ricostruzione, fu di nuovo ai vertici delle manifestazioni motociclistiche a cui partecipavano migliaia di iscritti italiani e da tutta Europa. Arrivavano dalla Germania, dalla Finlandia e dall’Inghilterra. In premio c’era una moto Laverda e i giornali scrivevano lunghi articoli ma per tutti c’era la soddisfazione di aver vissuto una grande esperienza. Nel 2015 il Motoraduno del Pasubio è arrivato alla 42a edizione. I tempi sono cambiati, i vincoli burocratici ci penalizzano, e raggiungere la meta non è certo un’impresa, ma resta comunque un’evento a cui i veri appassionati non possono rinunciare e dove gli organizzatori faranno sempre il possibile (e qualche volta l’impossibile) per realizzarla. Ma il Motoraduno del Pasubio non è certamente l’unica o la più importante iniziativa del nostro programma. La finalità principale del Motoclub Schio è, ed è sempre stata, quella di condividere la stessa passione, l’amicizia e le grandi emozioni che solo un viaggio in moto ci può dare. Ed è per questo che ogni anno e sempre meglio, cerchiamo di proporre viaggi e gite che possano soddisfare gusti, aspettative ed esigenze diverse, nel tentativo di rendere ogni esperienza indimenticabile. Quest’anno il nostro Motoclub compie 95 anni! Un traguardo che pochissimi altri Club possono vantare. Un lungo e appassionante percorso che ha coinvolto persone e creato eventi che hanno lasciato un segno nella storia del motociclismo italiano. Una storia che ci rende orgogliosi ma consapevoli che il futuro siamo tutti noi, e che ognuno può contribuire con idee, suggerimenti o iniziative allo sviluppodell’Associazione. Perché il nostro obiettivo è crescere, crescere in tutti i sensi. Più viaggi, più eventi, più emozioni, più organizzazione. Un obiettivo che possiamo raggiungere se ci sarà l’impegno di tutti. Perché il Club sei tu!